Grandi novità per Site Audit, il nostro strumento di analisi della salute dei siti web! Ma prima di mostrarti nel dettaglio tutte le nuove funzionalità che abbiamo aggiunto per facilitare il tuo lavoro quotidiano, voglio dirti che stiamo aggiornando lo studio pubblicato lo scorso anno sugli 11 problemi SEO più comuni, e che presto sarà una risorsa a tua disposizione.

Abbiamo riesaminato i problemi più comuni a livello di SEO on page e di SEO tecnica, trovati su 100.000 siti web e 450 milioni di pagine analizzati con Site Audit Tool di SEMrush.

L'anno scorso abbiamo evidenziato solo 11 errori, ma quest'anno forniremo dati su 60 diverse questioni SEO! Ora possiamo fornire molte più informazioni perché nel corso dell’ultimo anno Site Audit è diventato molto più potente. Abbiamo aggiunto nuovi controlli e fatto molti aggiornamenti che troverai sicuramente utili.

Quindi questo è il momento ideale per dirti cosa è cambiato nel nostro strumento di analisi. Ti mostrerò una breve panoramica di alcuni cambiamenti, per poi approfondire ciascuno di essi.

Site Audit: nuovi dati statistici e tre nuovi report tematici

  1. Report International SEO: sicuramente uno dei migliori report di SEO internazionale del mercato, include 13 controlli hreflang, organizzati in modo da offrire una grande UX / UI per un lavoro più comodo con una grande quantità di dati.

  2. Report implementazione HTTPS: nuovo report tematico che include 10 controlli per monitorare lo stato di sicurezza di un sito.

  3. Report Crawlability: Statistica generale - un totale di 15 parametri per verificare la crawlability del tuo sito web.

  4. Nuovi dati nelle Statistiche: codice di stato HTTPS, link AMP, utilizzo di hreflang, markup, profondità di scansione, ecc. Site Audit ora contiene circa 20 parametri per un’istantanea completa della situazione del tuo sito.

Integrazione con altri Tool

  1. Integrazione con Google Analytics: collega GA e ordina tutte le tue pagine per numero di visite uniche per assicurarti di correggere eventuali errori a partire dalle pagine più importanti.

  2. Integrazione con SEOquake: se hai impostato Site Audit su un particolare dominio potrai vedere le statistiche sugli errori presenti in pagina dalla barra degli strumenti di SEOquake.

  3. Integrazione con Trello: puoi mandare informazioni sugli errori di una specifica pagina al tuo webmaster o ad altri membri del tuo team affinché li correggano.

Impostazioni flessibili

  1. Puoi eseguire un monitoraggio quotidiano o settimanale, dipende solo da te. Questa funzionalità può essere molto utile per progetti complicati, ad esempio quando si sta passando alla versione HTTPS.

  2. Possibilità di nascondere i problemi che non ti interessano: se ci sono problemi specifici che consideri insignificanti, puoi semplicemente escluderli dal tuo report.

Il report International SEO 

Il nuovo report International SEO di Site Audit

Questo report offre una gran quantità di dati in un formato chiaro. Non solo viene presentato un elenco delle pagine in cui sono stati rilevati gli errori, ma anche l'errore specifico.

I 13 controlli possono essere combinati in 5 categorie:

  • Problemi con i valori di hreflang.

  • Conflitti tra hreflang e il codice sorgente di una pagina.

  • Link con hreflang incorretto.

  • Potenziale omissione di un hreflang.

  • Errore di abbinamento lingua nell’hreflang.

Se vuoi sapere con che frequenza questi errori compaiono sui siti web e come correggerli, puoi leggere il nostro studio Gli errori più comuni nell’implementazione dell’Hreflang.

Il report Implementazione HTTPS

Il report Implementazione Https di Site Audit

Credo che l'industria IT non si sia mai scontrata con così tanti problemi di sicurezza come lo scorso anno.

La questione della sicurezza di un sito web è una preoccupazione per molti, e il nostro contributo per combattere ciò che la minaccia è nel Report di implementazione HTTPS.

Che si tratti di problemi di contenuto misto, pagine non protette, certificati SSL scaduti, mancanza del supporto SNI o HSTS, è tutto nel nostro report.

Per sapere quali sono gli errori che il nostro Site Audit tool rileva e con che frequenza questi sono presenti su un sito web, puoi leggere HTTPS: i 10 errori più comuni - Nuova ricerca SEMrush (2017).

Il report Crawlability

Site Audit: il report di crawlability

Si tratta di un report nuovo di zecca che è stato lanciato di recente e riguarda la scansione del sito da parte dei crawler: non solo copre tutti gli errori, ma offre anche preziose informazioni sulla profondità dell’indicizzazione della pagina, link, redirect, codici di stato HTTPS e altro ancora. Ci sono complessivamente 15 parametri e un nuovo importante controllo per catene di redirect e loop.

Nuovi dati nelle Statistiche

Nuovi dati nelle statistiche di Site Audit di SEMrush

Questo non riguarda gli errori, ma la possibilità di disporre di dati utili su diversi elementi del tuo sito per avere una panoramica della situazione:

  • Markup.

  • Profondità Crawling.

  • Codice di stato HTTP -  aggiunto quest’anno.

  • Canonicalizzazione.

  • Link AMP - a proposito: non abbiamo trovato sul mercato nessun altro strumento di analisi che offra questo tipo di informazione.

  • Sitemap vs. Pagine sottoposte a crawling.

  • Pagine con Link interni in ingresso.

  • Uso Hreflang - anche questo aggiunto recentemente.

L'integrazione con Google Analytics

Migliaia di errori su migliaia di pagine possono frustrare chiunque, per questo abbiamo pensato di rendere più facile il tuo lavoro aggiungendo l'integrazione con Google Analytics.

Dopo aver connesso il tuo account di Google Analytics potrai vedere il numero di visite uniche nel report "Pagine sottoposte a crawling". A proposito, questo rapporto contiene filtri avanzati: puoi filtrare le pagine per URL e anche per 8 parametri aggiuntivi (elencati nella pagina Statistiche - li vedi sopra).

L'integrazione con SEOquake

La nuova integrazione con Seoquake di Site Audit

SEOquake ti fornisce le informazioni SEO di una specifica pagina sulla barra degli strumenti, ma con l’integrazione per Site Audit ti mostra anche una serie di problemi rilevati in una determinata pagina.

Сlicca sull’icona 'Site Audit' sulla SEObar e visualizzerai un menu a discesa con un elenco di problemi relativi alla pagina corrente. Il pulsante "Visualizza dettagli" ti porterà alla pagina del report di Site Audit.

L'integrazione con Trello

Site Audit è ora integrato con Trello

Questo bel pulsante verde renderà la tua vita molto più facile! Puoi passare al Report “Problemi” per vedere i dati relativi a diversi tipi di errori, scegliere quelli che vuoi correggere e inviarli al tuo webmaster. Hai anche la possibilità di aggiungere commenti.

Nascondi i problemi che non ti interessano

Questa opzione di Site Audit è proprio accanto al pulsante Trello - puoi vederlo nella schermata a continuazione. A volte in un report viene visualizzato qualcosa che non è una priorità per te o per i tuoi clienti, per questo ora puoi nascondere / escludere il problema.

Altro bonus: i problemi "nascosti" non vengono conteggiati nel calcolo del punteggio totale di Site Audit.

I controlli esclusi compariranno in alto a destra accanto alle informazioni sul progetto e tu potrai facilmente ripristinarli o nascondere ulteriori dati.

Site Audit: ora puoi escludere controlli non rilevanti

Esegui un monitoraggio quotidiano con Site Audit

Il lavoro sui siti web non finisce mai e le costanti modifiche richiedono continui controlli per verificare che nuove implementazioni non arrechino danno al sito. Alcune persone vogliono eseguire report giornalieri di controllo delle pagine web per tenere un registro della salute generale del loro sito; per altri è importante assicurarsi che un grande cambiamento venga gestito correttamente. Ora puoi pianificare la frequenza dei tuoi report.

Personalizza le impostazioni di Site Audit

Solo una breve nota su dove è possibile trovare questa impostazione: si trova nell'angolo in alto a destra con tutte le altre informazioni sulle impostazioni del progetto.

Se vuoi saperne di più dai un’occhiata ai tutorial di SEMrush sul nostro canale YouTube.

Come hai potuto vedere Site Audit è più completo che mai! Abbiamo pensato a tutte quelle funzioni che avrebbero potuto davvero facilitare il tuo lavoro e questo è il risultato.

Hai già utilizzato i nuovi controlli di Site Audit?

Facci sapere cosa ne pensi! E se c’è qualcos’altro che potrebbe esserti d’aiuto per l’analisi del tuo sito scrivilo qui nei commenti!

Articolo tradotto da SEMrush Site Audit Digest: New Reports and Settings di Elena Terenteva.

Grandi novità per Site Audit, il nostro strumento di analisi della salute dei siti web! Ma prima di mostrarti nel dettaglio tutte le nuove funzionalità che abbiamo aggiunto per facilitare il tuo lavoro quotidiano, voglio dirti che stiamo aggiornando lo studio pubblicato lo scorso anno sugli 11 problemi SEO più comuni, e che presto sarà una risorsa a tua disposizione.

Abbiamo riesaminato i problemi più comuni a livello di SEO on page e di SEO tecnica, trovati su 100.000 siti web e 450 milioni di pagine analizzati con Site Audit Tool di SEMrush.

L'anno scorso abbiamo evidenziato solo 11 errori, ma quest'anno forniremo dati su 60 diverse questioni SEO! Ora possiamo fornire molte più informazioni perché nel corso dell’ultimo anno Site Audit è diventato molto più potente. Abbiamo aggiunto nuovi controlli e fatto molti aggiornamenti che troverai sicuramente utili.

Quindi questo è il momento ideale per dirti cosa è cambiato nel nostro strumento di analisi. Ti mostrerò una breve panoramica di alcuni cambiamenti, per poi approfondire ciascuno di essi.

Site Audit: nuovi dati statistici e tre nuovi report tematici

  1. Report International SEO: sicuramente uno dei migliori report di SEO internazionale del mercato, include 13 controlli hreflang, organizzati in modo da offrire una grande UX / UI per un lavoro più comodo con una grande quantità di dati.

  2. Report implementazione HTTPS: nuovo report tematico che include 10 controlli per monitorare lo stato di sicurezza di un sito.

  3. Report Crawlability: Statistica generale - un totale di 15 parametri per verificare la crawlability del tuo sito web.

  4. Nuovi dati nelle Statistiche: codice di stato HTTPS, link AMP, utilizzo di hreflang, markup, profondità di scansione, ecc. Site Audit ora contiene circa 20 parametri per un’istantanea completa della situazione del tuo sito.

Integrazione con altri Tool

  1. Integrazione con Google Analytics: collega GA e ordina tutte le tue pagine per numero di visite uniche per assicurarti di correggere eventuali errori a partire dalle pagine più importanti.

  2. Integrazione con SEOquake: se hai impostato Site Audit su un particolare dominio potrai vedere le statistiche sugli errori presenti in pagina dalla barra degli strumenti di SEOquake.

  3. Integrazione con Trello: puoi mandare informazioni sugli errori di una specifica pagina al tuo webmaster o ad altri membri del tuo team affinché li correggano.

Impostazioni flessibili

  1. Puoi eseguire un monitoraggio quotidiano o settimanale, dipende solo da te. Questa funzionalità può essere molto utile per progetti complicati, ad esempio quando si sta passando alla versione HTTPS.

  2. Possibilità di nascondere i problemi che non ti interessano: se ci sono problemi specifici che consideri insignificanti, puoi semplicemente escluderli dal tuo report.

Il report International SEO 

Il nuovo report International SEO di Site Audit

Questo report offre una gran quantità di dati in un formato chiaro. Non solo viene presentato un elenco delle pagine in cui sono stati rilevati gli errori, ma anche l'errore specifico.

I 13 controlli possono essere combinati in 5 categorie:

  • Problemi con i valori di hreflang.

  • Conflitti tra hreflang e il codice sorgente di una pagina.

  • Link con hreflang incorretto.

  • Potenziale omissione di un hreflang.

  • Errore di abbinamento lingua nell’hreflang.

Se vuoi sapere con che frequenza questi errori compaiono sui siti web e come correggerli, puoi leggere il nostro studio Gli errori più comuni nell’implementazione dell’Hreflang.

Il report Implementazione HTTPS

Il report Implementazione Https di Site Audit

Credo che l'industria IT non si sia mai scontrata con così tanti problemi di sicurezza come lo scorso anno.

La questione della sicurezza di un sito web è una preoccupazione per molti, e il nostro contributo per combattere ciò che la minaccia è nel Report di implementazione HTTPS.

Che si tratti di problemi di contenuto misto, pagine non protette, certificati SSL scaduti, mancanza del supporto SNI o HSTS, è tutto nel nostro report.

Per sapere quali sono gli errori che il nostro Site Audit tool rileva e con che frequenza questi sono presenti su un sito web, puoi leggere HTTPS: i 10 errori più comuni - Nuova ricerca SEMrush (2017).

Il report Crawlability

Site Audit: il report di crawlability

Si tratta di un report nuovo di zecca che è stato lanciato di recente e riguarda la scansione del sito da parte dei crawler: non solo copre tutti gli errori, ma offre anche preziose informazioni sulla profondità dell’indicizzazione della pagina, link, redirect, codici di stato HTTPS e altro ancora. Ci sono complessivamente 15 parametri e un nuovo importante controllo per catene di redirect e loop.

Nuovi dati nelle Statistiche

Nuovi dati nelle statistiche di Site Audit di SEMrush

Questo non riguarda gli errori, ma la possibilità di disporre di dati utili su diversi elementi del tuo sito per avere una panoramica della situazione:

  • Markup.

  • Profondità Crawling.

  • Codice di stato HTTP -  aggiunto quest’anno.

  • Canonicalizzazione.

  • Link AMP - a proposito: non abbiamo trovato sul mercato nessun altro strumento di analisi che offra questo tipo di informazione.

  • Sitemap vs. Pagine sottoposte a crawling.

  • Pagine con Link interni in ingresso.

  • Uso Hreflang - anche questo aggiunto recentemente.

L'integrazione con Google Analytics

Migliaia di errori su migliaia di pagine possono frustrare chiunque, per questo abbiamo pensato di rendere più facile il tuo lavoro aggiungendo l'integrazione con Google Analytics.

Dopo aver connesso il tuo account di Google Analytics potrai vedere il numero di visite uniche nel report "Pagine sottoposte a crawling". A proposito, questo rapporto contiene filtri avanzati: puoi filtrare le pagine per URL e anche per 8 parametri aggiuntivi (elencati nella pagina Statistiche - li vedi sopra).

L'integrazione con SEOquake

La nuova integrazione con Seoquake di Site Audit

SEOquake ti fornisce le informazioni SEO di una specifica pagina sulla barra degli strumenti, ma con l’integrazione per Site Audit ti mostra anche una serie di problemi rilevati in una determinata pagina.

Сlicca sull’icona 'Site Audit' sulla SEObar e visualizzerai un menu a discesa con un elenco di problemi relativi alla pagina corrente. Il pulsante "Visualizza dettagli" ti porterà alla pagina del report di Site Audit.

L'integrazione con Trello

Site Audit è ora integrato con Trello

Questo bel pulsante verde renderà la tua vita molto più facile! Puoi passare al Report “Problemi” per vedere i dati relativi a diversi tipi di errori, scegliere quelli che vuoi correggere e inviarli al tuo webmaster. Hai anche la possibilità di aggiungere commenti.

Nascondi i problemi che non ti interessano

Questa opzione di Site Audit è proprio accanto al pulsante Trello - puoi vederlo nella schermata a continuazione. A volte in un report viene visualizzato qualcosa che non è una priorità per te o per i tuoi clienti, per questo ora puoi nascondere / escludere il problema.

Altro bonus: i problemi "nascosti" non vengono conteggiati nel calcolo del punteggio totale di Site Audit.

I controlli esclusi compariranno in alto a destra accanto alle informazioni sul progetto e tu potrai facilmente ripristinarli o nascondere ulteriori dati.

Site Audit: ora puoi escludere controlli non rilevanti

Esegui un monitoraggio quotidiano con Site Audit

Il lavoro sui siti web non finisce mai e le costanti modifiche richiedono continui controlli per verificare che nuove implementazioni non arrechino danno al sito. Alcune persone vogliono eseguire report giornalieri di controllo delle pagine web per tenere un registro della salute generale del loro sito; per altri è importante assicurarsi che un grande cambiamento venga gestito correttamente. Ora puoi pianificare la frequenza dei tuoi report.

Personalizza le impostazioni di Site Audit

Solo una breve nota su dove è possibile trovare questa impostazione: si trova nell'angolo in alto a destra con tutte le altre informazioni sulle impostazioni del progetto.

Se vuoi saperne di più dai un’occhiata ai tutorial di SEMrush sul nostro canale YouTube.

Come hai potuto vedere Site Audit è più completo che mai! Abbiamo pensato a tutte quelle funzioni che avrebbero potuto davvero facilitare il tuo lavoro e questo è il risultato.

Hai già utilizzato i nuovi controlli di Site Audit?

Facci sapere cosa ne pensi! E se c’è qualcos’altro che potrebbe esserti d’aiuto per l’analisi del tuo sito scrivilo qui nei commenti!

Articolo tradotto da SEMrush Site Audit Digest: New Reports and Settings di Elena Terenteva.

Grandi novità per Site Audit, il nostro strumento di analisi della salute dei siti web! Ma prima di mostrarti nel dettaglio tutte le nuove funzionalità che abbiamo aggiunto per facilitare il tuo lavoro quotidiano, voglio dirti che stiamo aggiornando lo studio pubblicato lo scorso anno sugli 11 problemi SEO più comuni, e che presto sarà una risorsa a tua disposizione.

Abbiamo riesaminato i problemi più comuni a livello di SEO on page e di SEO tecnica, trovati su 100.000 siti web e 450 milioni di pagine analizzati con Site Audit Tool di SEMrush.

L'anno scorso abbiamo evidenziato solo 11 errori, ma quest'anno forniremo dati su 60 diverse questioni SEO! Ora possiamo fornire molte più informazioni perché nel corso dell’ultimo anno Site Audit è diventato molto più potente. Abbiamo aggiunto nuovi controlli e fatto molti aggiornamenti che troverai sicuramente utili.

Quindi questo è il momento ideale per dirti cosa è cambiato nel nostro strumento di analisi. Ti mostrerò una breve panoramica di alcuni cambiamenti, per poi approfondire ciascuno di essi.

Site Audit: nuovi dati statistici e tre nuovi report tematici

  1. Report International SEO: sicuramente uno dei migliori report di SEO internazionale del mercato, include 13 controlli hreflang, organizzati in modo da offrire una grande UX / UI per un lavoro più comodo con una grande quantità di dati.

  2. Report implementazione HTTPS: nuovo report tematico che include 10 controlli per monitorare lo stato di sicurezza di un sito.

  3. Report Crawlability: Statistica generale - un totale di 15 parametri per verificare la crawlability del tuo sito web.

  4. Nuovi dati nelle Statistiche: codice di stato HTTPS, link AMP, utilizzo di hreflang, markup, profondità di scansione, ecc. Site Audit ora contiene circa 20 parametri per un’istantanea completa della situazione del tuo sito.

Integrazione con altri Tool

  1. Integrazione con Google Analytics: collega GA e ordina tutte le tue pagine per numero di visite uniche per assicurarti di correggere eventuali errori a partire dalle pagine più importanti.

  2. Integrazione con SEOquake: se hai impostato Site Audit su un particolare dominio potrai vedere le statistiche sugli errori presenti in pagina dalla barra degli strumenti di SEOquake.

  3. Integrazione con Trello: puoi mandare informazioni sugli errori di una specifica pagina al tuo webmaster o ad altri membri del tuo team affinché li correggano.

Impostazioni flessibili

  1. Puoi eseguire un monitoraggio quotidiano o settimanale, dipende solo da te. Questa funzionalità può essere molto utile per progetti complicati, ad esempio quando si sta passando alla versione HTTPS.

  2. Possibilità di nascondere i problemi che non ti interessano: se ci sono problemi specifici che consideri insignificanti, puoi semplicemente escluderli dal tuo report.

Il report International SEO 

Il nuovo report International SEO di Site Audit

Questo report offre una gran quantità di dati in un formato chiaro. Non solo viene presentato un elenco delle pagine in cui sono stati rilevati gli errori, ma anche l'errore specifico.

I 13 controlli possono essere combinati in 5 categorie:

  • Problemi con i valori di hreflang.

  • Conflitti tra hreflang e il codice sorgente di una pagina.

  • Link con hreflang incorretto.

  • Potenziale omissione di un hreflang.

  • Errore di abbinamento lingua nell’hreflang.

Se vuoi sapere con che frequenza questi errori compaiono sui siti web e come correggerli, puoi leggere il nostro studio Gli errori più comuni nell’implementazione dell’Hreflang.

Il report Implementazione HTTPS

Il report Implementazione Https di Site Audit

Credo che l'industria IT non si sia mai scontrata con così tanti problemi di sicurezza come lo scorso anno.

La questione della sicurezza di un sito web è una preoccupazione per molti, e il nostro contributo per combattere ciò che la minaccia è nel Report di implementazione HTTPS.

Che si tratti di problemi di contenuto misto, pagine non protette, certificati SSL scaduti, mancanza del supporto SNI o HSTS, è tutto nel nostro report.

Per sapere quali sono gli errori che il nostro Site Audit tool rileva e con che frequenza questi sono presenti su un sito web, puoi leggere HTTPS: i 10 errori più comuni - Nuova ricerca SEMrush (2017).

Il report Crawlability

Site Audit: il report di crawlability

Si tratta di un report nuovo di zecca che è stato lanciato di recente e riguarda la scansione del sito da parte dei crawler: non solo copre tutti gli errori, ma offre anche preziose informazioni sulla profondità dell’indicizzazione della pagina, link, redirect, codici di stato HTTPS e altro ancora. Ci sono complessivamente 15 parametri e un nuovo importante controllo per catene di redirect e loop.

Nuovi dati nelle Statistiche

Nuovi dati nelle statistiche di Site Audit di SEMrush

Questo non riguarda gli errori, ma la possibilità di disporre di dati utili su diversi elementi del tuo sito per avere una panoramica della situazione:

  • Markup.

  • Profondità Crawling.

  • Codice di stato HTTP -  aggiunto quest’anno.

  • Canonicalizzazione.

  • Link AMP - a proposito: non abbiamo trovato sul mercato nessun altro strumento di analisi che offra questo tipo di informazione.

  • Sitemap vs. Pagine sottoposte a crawling.

  • Pagine con Link interni in ingresso.

  • Uso Hreflang - anche questo aggiunto recentemente.

L'integrazione con Google Analytics

Migliaia di errori su migliaia di pagine possono frustrare chiunque, per questo abbiamo pensato di rendere più facile il tuo lavoro aggiungendo l'integrazione con Google Analytics.

Dopo aver connesso il tuo account di Google Analytics potrai vedere il numero di visite uniche nel report "Pagine sottoposte a crawling". A proposito, questo rapporto contiene filtri avanzati: puoi filtrare le pagine per URL e anche per 8 parametri aggiuntivi (elencati nella pagina Statistiche - li vedi sopra).

L'integrazione con SEOquake

La nuova integrazione con Seoquake di Site Audit

SEOquake ti fornisce le informazioni SEO di una specifica pagina sulla barra degli strumenti, ma con l’integrazione per Site Audit ti mostra anche una serie di problemi rilevati in una determinata pagina.

Сlicca sull’icona 'Site Audit' sulla SEObar e visualizzerai un menu a discesa con un elenco di problemi relativi alla pagina corrente. Il pulsante "Visualizza dettagli" ti porterà alla pagina del report di Site Audit.

L'integrazione con Trello

Site Audit è ora integrato con Trello

Questo bel pulsante verde renderà la tua vita molto più facile! Puoi passare al Report “Problemi” per vedere i dati relativi a diversi tipi di errori, scegliere quelli che vuoi correggere e inviarli al tuo webmaster. Hai anche la possibilità di aggiungere commenti.

Nascondi i problemi che non ti interessano

Questa opzione di Site Audit è proprio accanto al pulsante Trello - puoi vederlo nella schermata a continuazione. A volte in un report viene visualizzato qualcosa che non è una priorità per te o per i tuoi clienti, per questo ora puoi nascondere / escludere il problema.

Altro bonus: i problemi "nascosti" non vengono conteggiati nel calcolo del punteggio totale di Site Audit.

I controlli esclusi compariranno in alto a destra accanto alle informazioni sul progetto e tu potrai facilmente ripristinarli o nascondere ulteriori dati.

Site Audit: ora puoi escludere controlli non rilevanti

Esegui un monitoraggio quotidiano con Site Audit

Il lavoro sui siti web non finisce mai e le costanti modifiche richiedono continui controlli per verificare che nuove implementazioni non arrechino danno al sito. Alcune persone vogliono eseguire report giornalieri di controllo delle pagine web per tenere un registro della salute generale del loro sito; per altri è importante assicurarsi che un grande cambiamento venga gestito correttamente. Ora puoi pianificare la frequenza dei tuoi report.

Personalizza le impostazioni di Site Audit

Solo una breve nota su dove è possibile trovare questa impostazione: si trova nell'angolo in alto a destra con tutte le altre informazioni sulle impostazioni del progetto.

Se vuoi saperne di più dai un’occhiata ai tutorial di SEMrush sul nostro canale YouTube.

Come hai potuto vedere Site Audit è più completo che mai! Abbiamo pensato a tutte quelle funzioni che avrebbero potuto davvero facilitare il tuo lavoro e questo è il risultato.

Hai già utilizzato i nuovi controlli di Site Audit?

Facci sapere cosa ne pensi! E se c’è qualcos’altro che potrebbe esserti d’aiuto per l’analisi del tuo sito scrivilo qui nei commenti!

Articolo tradotto da SEMrush Site Audit Digest: New Reports and Settings di Elena Terenteva.

L'importanza del funnel nella tua strategia marketing

Cari amici e amiche di SEMrush, torno a cavalcare un argomento a me ultimamente molto caro, ovvero l'importanza di saper creare un funnel strategico partendo dalla consapevolezza e dalla conoscenza dei dati che si hanno già a disposizione e dal concetto (forte a mio avviso) che le attività di SEO e Social Media Marketing non sono in contrapposizione, ma anzi è fondamentale saper strutturare un funnel capace di far interagire i due canali dell'inbound marketing.

Per questo oggi vi ripropongo in forma scritta il mio webinar leggermente rivisto dello scorso 14 giugno. Se volete rivederlo lo trovate al termine di questo articolo.

Dati, Analytics, Big Data

Non sto dando i numeri (in realtà si :), ma uno dei problemi principali degli operatori di settore è la quasi incapacità di saper partire da una base solida, ovvero dalla consapevolezza dei dati che si hanno a disposizione.

Funnel: la giusta interpretazione delle analytics

L'immagine che ho postato per enfatizzare il concetto riprende fortemente una teoria del mitico Avanish Kaushik, il quale nel suo libro, che consiglio vivamente di leggere, afferma che il problema principale di tanti addetti ai lavori, seppur superbi tecnicamente, è proprio l'incapacità di partire dai numeri a disposizione, aggiungendo che il problema nasce dal fatto che si ha una visione delle analytics ancora troppo obsoleta:

Il vecchio modo di interpretare i numeri (analytics) è al 99% focalizzato sul 'Da dove' provengono (i click), ma non sul 'Che cosa posso migliorare' e soprattutto 'Cosa dicono le mie buyer personas'.

Partendo da questo assunto, e avendo chiaro chi sono e cosa desiderano le mie buyer personas, allora è arrivato il momento di costruire il funnel.

Cosa è un Funnel? Perché è così importante nella tua strategia?

Il funnel (traduzione dall'inglese: imbuto) è una rappresentazione ideale del “viaggio” che le persone che non ci conoscono compiono partendo dalle prime informazioni che ricevono sulla nostra offerta fino all’acquisto oppure, nel caso peggiore, all’abbandono della relazione che hanno instaurato con la nostra azienda.

Che cos'è un funnel di marketing

L'immagine presa dal sito https://mktgessentials.com riassume in maniera esemplare le 4 fasi, che a mio avviso sono fondamentali quando si ha intenzione di creare un Funnel:

  1. Get Traffic: siamo all'entrata dell'imbuto, dove si trova la parte più grande del traffico. Cerchiamo di attrarre con tutte le tecniche dell'inbound marketing e della lead generation più prospect all'interno del nostro funnel. Tutte le versioni del marketing funnel hanno come imbocco dell’imbuto (la parte più ampia) la fase della creazione della cosiddetta “awareness” ovvero la conoscenza, il coinvolgimento. Una volta che il prospect ha raggiunto la nostra home page istituzionale, l’obiettivo delle azioni di marketing diventa la ”retention", ovvero trattenere il più possibile il visitatore sul nostro sito, invogliandolo a tornare a farci visita.
  2. Get Leads: gran parte dei consumatori online matura la propria decisione di acquisto prima di visitare il punto vendita (on e offline). Ecco perché è fondamentale cercare di chiarire ogni loro richiesta o dubbio sul sito aziendale.
  3. Get Sales: Il digital marketing funnel si dovrebbe concludere con un acquisto. Ecco perché è fondamentale che lungo il viaggio vengano richieste ai prospect  solo le informazioni strettamente necessarie per chiudere la vendita.
  4. Loyality and advocacy: una relazione duratura con il proprio cliente si potrà ottenere solo se riusciremo a generare valore lungo tutto il funnel. Essere in grado di fidelizzare un cliente è fondamentale, soprattutto perché rimpiazzare un acquirente che esce dal funnel è 5 volte più costoso che acquisirne uno nuovo.

Come viene suddiviso un funnel strategicamente?

Il funnel a livello puramente strategico può essere suddiviso in tre grosse macro aree che sono:

  1. Top of the Funnel (TOFU)
  2. Middle of the Funnel (MOFU)
  3. Bottom of the Funnel (BOFU)

Il TOFU lo possiamo considerare la strada di ingresso: in questa fase utilizzeremo tutti i canali a nostra disposizione per cercare di attrarre potenziali clienti. Il MOFU rappresenta il cuore del funnel, in particolar modo in questa fase viene messa in scena la fase di "compravendita", ovvero si cerca di trasformare un prospect in cliente. Il BOFU, la parte finale, ci suggerisce le varie tecniche di upselling e, nei casi più sfortunati, capire perché un prospect non è diventato nostro cliente e soprattutto capire come farlo rientrare nel nostro funnel successivamente.

Come attirare utenti nel funnel: i canali del TOFU

Rimanendo alla parte superiore del nostro imbuto vi sono diversi canali che possiamo utilizzare, che andrei a dividere in due macro aree: il paid advertising e la parte organica (è importante sottolineare come tutti canali siano importanti e nessuno escluda l'altro, ad esempio SEO e social sono perfetti insieme in una strategia integrata in quanto il primo canale, in caso di brand poco conosciuto, potrà avere ottimi posizionamenti, ma se non ha una ottima brand awarness difficilmente verra cliccato - vedi immagine)

Funnel: l'importanza di pianificare strategie su diversi canali di marketing

L'immagine che ho voluto comporre dovrebbe, in maniera simpatica, far capire che essere primi su Google non vuol dire click automatico, se chi occupa una posizione inferiore ha una brand identity talmente forte da ispirare fiducia maggiore rispetto al nostro brand. Cosa vuol dire? Che SEO e social si incontrano nel funnel cercando di creare questa empatia tra i due canali.

I canali principali che vengono utilizzati a livello digitale per poter attirare navigatori verso il nostro funnel sono:

  1. SEO;
  2. PPC (adwords);
  3. Facebook ADS;
  4. Emaill Marketing;
  5. Content Marketing;
  6. Lead nurturing (in fase successiva);
  7. Marketing automation;
  8. Analytics.

Questi sono soltanto quelli che ho inquadrato come principali, ma in generale ogni attività atta a generare traffico verso il nostro funnel può essere annoverata insieme a queste principali.

Riassumendo: il Funnel e le sue fasi

Questa parte, che è quella più in alto (e più ampia) del nostro imbuto, fa riferimento alle prime interazioni con il nostro brand. Nel mondo del marketing digitale queste interazioni avvengono solitamente attraverso le ricerche online (inbound marketing).

  • Middle of the Funnel (MOFU)

La strategia di marketing, a questo livello, è diretta a trasformare quella che è una semplice conoscenza della nostra azienda e dei nostri marchi in azioni concrete (vendite). Ciò che conta in questa fase del customer journey è come i visitatori interagiscono con il nostro sito.

  • Bottom of the Funnel (BOFU)

Si tratta del punto di non ritorno del marketing online, quello nel quale il visitatore compie l’acquisto oppure abbandona il sito.

Chiosa e consiglio finale

Adesso che anche tu hai ben chiaro cosa è un funnel, come si costruisce e come vanno gestiti i vari canali dell'inbound marketing, vorrei darti un ultimo consiglio di tipo strategico, che secondo me potrebbe salvare molte aziende dalla crisi.

Il più grosso errore che si è soliti fare quando si crea e si mette in moto un funnel è quello di concentrarsi principalmente sulla parte alta (TOFU) del funnel, in quanto si pensa, erroneamente, sempre ad acquisire nuovi clienti e si fa un errore a livello strategico gravissimo, quello di non concentrarsi sull'ultima parte del funnel, ovvero sui clienti che già sono in essere e cercare di stabilire una relazione proficua con loro, poiché questi ci hanno dato già fiducia e avendo già comprato da noi sarebbero più facile da convertire in nuove vendite rispetto ad un nuovo visitatore.

SEO e Social nel funnel di vendita digitale: il webinar

[embedded content]

Hai ancora qualche dubbio su come creare il tuo funnel?

Se il tuo sito non converte o i tuoi potenziali clienti escono dall'imbuto prima di convertire raccontami come hai impostato il tuo funnel e insieme proveremo a trovare la soluzione.

f t g

Siti web che Ottengono Risultati

realizzazione siti internetUn sito realizzato da noi:

  • avrà un aspetto chiaro e pulito;
  • sarà visibile su Tablet e Smart Phone;
  • sarà facile da aggiornare e gestire;
  • sarà posizionato su Google;
  • genererà richieste di contatto.

Web Marketing Efficace

consulenza internet web marketingLa consulenza web:

  • analisi del tuo target;
  • analisi della concorrenza;
  • analisi delle parole chiave;
  • analisi delle strategie;
  • analisi degli obiettivi.

Consulenza per i Social

creazione siti internetFormazione e Corsi professionali:

  • Le basi del web marketing;
  • social marketing
  • SEO contenuti che convertono;
  • Video marketing di successo;
  • E-mail marketing.